Marco Campanella

By Unknow

Marco Campanella, in questa sua prima personale, presenta una serie di collage di piccolo formato, tutti senza titolo, in uno spazio non convenzionale al mondo dell’arte, la sala d’attesa di uno studio di psicoanalisti lacaniani.



Marco Campanella - By Unknow / 2016

Descrizione

L’artista vuole far interagire i suoi collage con l’ambiente ospitante, opere concepite come una presenza visiva che dialoga con chi è in attesa nella sala. Campanella non cerca quei segni che determinano un oggetto d’arte aulico e convenzionale e neanche una forma installativa particolare; i collage/oggetto sono come “tappezzeria”, parte integrante dell’ambiente.

E’ questa una parafrasi dell’estetica di Lacan: quella del vuoto, l'arte come presenza/assenza da cui si evince uno spazio immaginario e visivo che cattura i pensieri delle persone in attesa.

La tecnica del cut che utilizza Marco Campanella, deriva essenzialmente dal collage dei Surrealisti e soprattutto da Max Ernest. Nei collage in mostra non c’è presenza di testo scritto, sono come batteri, virus ingranditi al microscopio a 10.000X, su cui strane figure si aprono e fanno scorrere immagini ispirate a Leonardo da Vinci, al De Humani corporis fabrica di Andrea Vesalio, alle figure naturalistiche di Ulisse Aldrovandi e a Art form in nature di Ernst Haeckel. Il ritaglio e la sovrapposizione meticolosa delle immagini evidenziano nuove e multiformi anatomie. Figure antropomorfe dove la distruzione anatomica è concepita come rivitalizzazione di un nuovo corpo e il suo doppio. Corpo fatto di soli muscoli, quello che Antonin Artaud ha definito senza organi, macchina morbida fra l’organico e l’inorganico nella ricerca di una precisione tenace della costruzione dell’immagine.

La presenza di tessuti muscolari o diramazioni nervose e articolari o dell’acqua degli abissi più profondi, fa da ambiente spaziale e da filtro con il corpo che sembra galleggiare in un luogo indefinito e senza apparenti rimandi alla realtà. I collage non sono costruiti casualmente, non sono un accumulo di vari materiali, ma condividono la teoria del “caso obiettivo” di William Burroughs, dove il metodo è una sorta di casualità ragionata.


Marco Campanella vive a Milano e collabora dal 2012 con il gruppo artistico Wurmkos.
Ha partecipato al progetto Wurmkos Figure, Cénte, Vestimi. Inoltre, ha collaborato ai progetti Centocapre di Francesco Bertelè, Associazione Vincenzo De Luca, 2014, Latronico; Interferenze di Elena Mochetti, Farmacia Wurmkos, 2015.

Ph: Pasquale Campanella 

Stefania Mazzola

Schema di gioco
2019

Prendendo spunto da un testo del '500 di Francesco Sansovino, Stefania Mazzola in questa mostra ...

Luca Staccioli

Je m'ouvrais pour la première fois à la tendre indifférence du monde
2017

Mi abbandonai per la prima volta alla tenera indifferenza del mondo è la traduzione del ...

1300 km

Daniela Cattivelli
edizione 2020/2021

1300 km costituisce il primo esito del percorso di dialogo fra le artiste dell’edizione 2020/2021, Daniela ...